Stadi e Giardini pubblici: Divieto di Fumo

Secondo un’indagine Doxa, commissionata dall’Istituto superiore di sanità, la maggior parte degli italiani sarebbe favorevole a vietare il fumo alle fermate degli autobus, negli stadi e nei giardini pubblici.

Approfondimenti:

Se n’è parlato durante la presentazione dell’iniziativa Sfreccia contro il fumo promosso da Trenitalia insieme al Ministero della Salute (da pochi mesi, a bordo dei treni di Trenitalia, è anche vietato l’uso della sigaretta elettronica),  nel tentativo di sensibilizzare gli italiani su temi quali la prevenzione delle malattie causate dal tabacco.

Ricordiamo che Le vittime del tabacco sono state 100 milioni nel vent’esimo secolo (Video) è che  il 31 Maggio è la Giornata Mondiale Senza TabaccoWorld No Tobacco Day” (Vedi Articolo)

Sfreccia contro il Fumo

Sfreccia contro il Fumo

Rispetto al divieto di usare la sigaretta elettronica sui treni è risultato favorevole il 53,2% di tutta la popolazione intervistata e il 42,6% dei fumatori, mentre vede di buon occhio l’estensione del divieto di fumo nelle stazioni il 60,6% degli intervistati e il 31,4% dei fumatori. Il 53,8% degli intervistati e il 43% dei fumatori, poi, estenderebbe il no ad usare la sigaretta elettronica in luoghi pubblici chiusi (come i bar). Più in generale, la maggioranza di tutta la popolazione intervistata ritiene utile l’estensione del divieto di fumo alle fermate degli autobus (59,7%), negli stadi (64,1%) e nei giardini pubblici (60,1%), mentre lo è circa un terzo dei fumatori (28,3% per gli autobus, 35,8% stadi e 33,2% giardini pubblici). Infine vorrebbero il fumo bandito anche nelle aree aperte degli ospedali il 72,4% degli intervistati e il 52,8% dei fumatori; nei cortili delle scuole l’80,2% della popolazione e il 66,7% dei fumatori.

Fonte Articolo

Leave a Reply