World No Tobacco Day: Riflessioni e Conclusioni (Video)

E’ oggi la Giornata Mondiale senza Tabacco 2013 (World No Tobacco Day), e sono molte le proposte provenienti da ogni parte del mondo volte a combattere il vizio del fumo.
Approfondimenti:

Ad esempio studi scientifici hanno dimostrato che la non pubblicizzazione del tabacco in un determinato paese ha permesso la riduzione dei fumatori e di quelli che iniziano. Dunque  impedire la propaganda delle sigarette è uno dei metodi migliori per ridurne l’utilizzo, tuttavia sono in pochi i paesi che hanno leggi forte e robuste che garantiscono questo impedimento.

Inoltre è noto che l’uso del tabacco è la prima causa di morte globalmente evitabile, infatti è responsabile della morte di un adulto su 10 in tutto il mondo: nel vent’esimo secolo le vittime del fumo sono state 100 milioni.

Il Fumo Uccide

In Italia è il Rapporto dell’Osservatorio Fumo dell’Istituto Superiore di Sanità ha tirare le somme: ciò che più preoccupa della situazione nel nostro Paese è l’aumento dell’abitudine al fumo nei giovani e, peggio ancora, l’abbassamento dell’età in cui si inizia. Per combattere il problema si è anche pensato di  aumentare il prezzo delle sigarette in quanto è stato dimostrato che si tratta di un modo efficace per abbassare il numero dei fumatori, soprattutto in tempi di crisi economica. Inoltre in Italia il prezzo delle sigarette è più basso in confronto ad altri Paesi, dunque sarebbe possibile far pagare ad esempio un euro in più, di cui 20 centesimi potrebbero essere destinati alla ricerca scientifica.

Si è anche parlato di Sigarette Elettroniche in quanto “Mercato senza controllo“, ma se posso permettermi di esprimere un parere credo che lo stato voglia specularci sopra: non è un mercato redditizzio per l’erario italiano come lo è invece quello delle sigarette tradizionali..

Inoltre, all’Istituto tumori di Milano, è stato presentato il risultato di un indagine secondo cui il fumo passivo risulta essere nocivo anche in spiaggia (Vedi Approfondimento).

Mozziconi di Sigarette in Spiaggia

I Mozziconi di Sigarette in Spiaggia impiegano 100 anni a degradarsi

Secondo un’indagine Doxa, commissionata dall’Istituto superiore di sanità, la maggior parte degli italiani sarebbe favorevole a vietare il fumo alle fermate degli autobus, negli stadi e nei giardini pubblici (Vedi Approfondimento).

Per concludere, ecco una Candid Camera sui bambini fumatori:

Leave a Reply