Italia servita dalle Rinnovabili al 100%? Si può!

Domenica scorsa, 16 Giugno, le Energie Rinnovabili hanno soddisfatto il 100% della domanda del nostro paese per ben 2 ore. Per questo lasso di tempo l’energia prodotta è stata dunque a costo zero.

E’ vero che si è trattato di un breve periodo, ma non si tratta di un fenomeno isolato. A Maggio, le rinnovabili hanno coperto la metà della domanda elettrica. Nel 2012 a Pasquetta, tra le ore 13 e le 14, il 64% dell’energia prodotta in Italia era arrivato dalle rinnovabili mentre in Sicilia la percentuale aveva raggiunto il 94%. E l’offerta media annuale che viene dai 600 mila impianti di rinnovabili sfiora quota 30%.

Vedi anche:

L'Italia è staa servita per ben 2 ore al 100% dalle Energie Rinnobili

Chiariamo però un concetto, quando parliamo di energia a costo zero per due ore ci riferiamo al prezzo di Borsa, il Pun (Prezzo Unico Nazionale) che deriva dal sistema di aste in cui si vende all’ingrosso, ora per ora, l’elettricità prodotta dai vari operatori. E domenica 16, giornata di sole e vento con una buona scorta d’acqua per l’idroelettrico, non c’è stata gara: l’energia pulita ha fatto l’en plein soddisfacendo l’intera domanda e facendo crollare il prezzo.

Leggiamo in un noto blog, un ulteriore appronfondimento sulla questione:

La ragione di questo crollo è spiegata dal meccanismo di mercato adottato in Italia. Le rinnovabili sono sempre offerte a prezzo zero perché non ci sono costi di combustibile da coprire e c’è l’obbligo europeo di ridurre le emissioni serra che minacciano la stabilità del clima. Ma di solito soddisfano solo una quota del mercato e il prezzo di tutte le vendite in una certa fascia oraria è dato dall’offerta accettata al prezzo più alto. In questo caso non c’è stato spazio per i combustibili fossili e, in assenza di acquisti a prezzo più alto, è rimasto il prezzo delle rinnovabili: zero.

[ . . . ]

Secondo l’Irex Annual Report 2013, curato dalla società di ricerca Althesys, il fotovoltaico, grazie al peak shaving, già nel 2012 ha permesso di abbassare di 1,4 miliardi di euro il prezzo dei consumi elettrici nella fascia più calda della giornata.

Vedi anche:

Fonte Articolo

Leave a Reply