In Campania, tanta spazzatura da riempire 360 campi da Calcio (Video)

Sette milioni di ecoballe per 360 campi da calcio.

La Campania sta morendo nel silenzio dei media. A Giugliano, nel triangolo della morte di Acerra, Nola e Marigliano, e poi intorno al Vesuvio si concentrano montagne di immondizia mista a sostanze nocive.

Lo Spazza-Tour dei grillini porta alla ribalta lo stato in cui versa la “Terra dei fuochi”.  Ad ogni tappa i quattro pullman dei grillini sono stati accolti da delegazioni locali di cittadini e attivisti, tutti con mascherine di protezione.

Il viaggio si è chiuso con l’immagine di quello che il Berlusconi e Bertolaso chiamarono il miracolo dell’inceneritore di Acerra. Inceneritore – ribadiscono i grillini – e non termovalorizzatore: una differenza solo all’apparenza semantica ma in realtà di puro contenuto.

Sette milioni di ecoballe per 360 campi da calci.

La Campania sta morendo nel silenzio dei media. A Giugliano, nel triangolo della morte di Acerra, Nola e Marigliano, e poi intorno al Vesuvio si concentrano montagne di immondizia mista a sostanze nocive.

Ai danni ambientali si aggiungono poi quelli per la salute dei cittadini che vivono in quelle aree: da molto tempo è infatti diffusa la pratica criminale di dare fuoco ai cumuli di rifiuti, compresi quelli tossici e pericolosi di cui si cerca di occultare le tracce.

Da qui il sinistro nome Terra dei fuochi. Ecco un estratto del blog di Beppe Grillo:

La “Terra dei fuochi” è quell’area fra Napoli e Caserta, dove il fuoco è troppo spesso quello che brucia i rifiuti ammassati in strada. Nella zona, e lo dice un’indagine dell’Osservatorio Oncologico Comunale, si muore più che in ogni altra parte d’Italia per cancro. Per lo Stato non è così.

[ . . . ]

Nelle province di Napoli e Caserta è in un atto una vera e propria strage degli innocenti.

Fonte 1 Fonte 2

Leave a Reply