Geox: Mai più prodotti Animali

Una delle aziende leader nel settore delle calzature e dell’abbigliamento, GEOX, tra le più conosciute al mondo in quanto innovativa e rivoluzionaria, diventa ora più virtuosa grazie all’adesione allo Standard Internazionale Fur Free coordinato in Italia dalla LAV.

A partire dalla collezione autunno-inverno 2013/14, l’azienda di Montebelluna (Treviso) non utilizzerà più pellicce animali.

Leggi anche:

Ecco quanto leggiamo in un noto blog:

Una decisione che segna un deciso avanzamento delle scelte stilistiche di Geox in termini di maggiore sostenibilità ambientale e di rispetto verso gli animali, consolidando la posizione di leadership raggiunta in Italia e a livello internazionale in termini di innovazione di prodotto. Niente più pellicce quindi, neppure quelle di cane-procione (detto Murmasky) e di coniglio, presenti nelle precedenti collezioni, con un conseguente significativo e positivo impatto per la tutela di questi animali.

GEOX ha deciso di essere più sostenibile utilizzando prodotti tessili alternativi: in commercio esistono già materiali (fibre sintetiche ma anche vegetali) che replicano con estrema accuratezza la pelliccia vera assicurando anche una filiera produttiva più ecologica, come dimostrato dagli studi di LCA (Life Cycle Assessment) pubblicati dalla LAV nel 2011 e 2013.

La pelliccia ecologica è veramente eco, mentre la pelliccia cosiddetta “naturale” (quella vera, derivata dall’uccisione di animali) in fase di lavorazione necessita di trattamenti chimici con sostanze tossiche, che possono rimanere in forma residua sul capo indossato, oltre ad essere causa di elevato impatto ambientale durante le fasi di alimentazione e gestione degli animali in allevamento, così come per la manutenzione e pulizia del capo finito e indossato.

Leggi anche:

GEOX: Niente più prodotti provenienti dagli Animali

GEOX: Niente più prodotti provenienti dagli Animali

Fonte Articolo

Leave a Reply