L’Italia radia Simoncini dall’Albo mentre negli USA si studia il Bicarbonato 14

A quanto pare, aveva ragione l’oncologo italiano Tullio Simoncini, che è stato radiato dall’Ordine dei medici perchè pretende di trattare il cancro inondando la zona di bicarbonato al 5%.

L’idea che sta dietro a questo genere di ricerche è ben nota a tutti gli oncologi: il tumore prospera in ambiente acido ed anzi lo genera attorno a sé, con ciò favorendo le metastasi.

Le cellule normali infatti muoiono in quell’alto livello di acidità in cui il cancro cresce. Dunque aumentare l’alcalinità dei circostanti tessuti, con il bicarbonato o gli anti-acidi, contrasta il proliferare delle cellule tumorali e pare che le obblighi ad auto-eliminarsi.

Leggi anche: Inventa un Bioscanner che Vede i Tumori: lasciato solo. (Video)

Il National Institute of Healt ha asssegnato un finanziamento di 2 milioni di dollari al dottor Mark Pagel, del Cancer Center dell’Università dell’Arizona, per affinare la sua ricerca sull’uso del bicarbonato di sodio nella terapia del cancro al seno (leggi qui).

La notizia americana vendica anche il dottor Stefano Fais, gastroenterologo, che da anni cerca di promuovere il trattamento del cancro con somministrazione di inibitori della pompa protonica (si tratta dei comuni farmaci antiacidi, che sono somministrati per l’ulcera).

Leggi anche:

Il dottor Fais è sicuro che tali anti-acidi possono addirittura bloccare i tumori che sono diventati resistenti alla chemioterapia, ma non riesce a trovare cliniche disposte ad avviare una sperimentazione clinica su pazienti volontari. Ciò nonostante il fatto che il dottor Fais non sia affatto un medico sconosciuto, bensì un direttore dell’ufficialissimo Istituto Superiore di Sanità, e più precisamente direttore del Dipartimento dei farmaci tumorali nel suddetto Istituto.

Leggi anche:

Dunque uno che dovrebbe essere ascoltato, invece il dottor Fais si è spesso lamentato di non riuscire a trovare un ospedale disposto a provare a trattare i cancerosi coi soli antiacidi, ottenendo al massimo che vengano usati insieme alla chemioterapia; anche se adesso sembra che qualcosa stia cambiando in meglio.

Come leggiamo in un noto blog:

Anche le diete anti-cancro oggi raccomandate – abolizione della carne rossa, dei formaggi fermentati e riduzione delle proteine animali in genere, rinuncia agli zuccheri e carboidrati raffinati, e invece grandi quantità di verdura come cavoli e broccoli – sono diete alcalinizzanti. Il sangue umano, se sano, è lievemente alcalino (pH 7,4), e più è reso acido da diete carnee, meno bene ossigena le cellule; il mare è alcalino decisamente (pH 8,1), le acque minerali curative ancora di più (fra 9 e 11).

Un giorno ci si dovrà spiegare come mai l’oncologia ufficiale, che inietta ai pazienti nient’altro che veleno, è riuscita a creare in Italia un simile clima di chiusura verso ricerche promettenti, e di persecuzione di chi le sperimenta.

L'idea che sta dietro a questo genere di ricerche è ben nota a tutti gli oncologi: il tumore prospera in ambiente acido ed anzi lo genera attorno a sé, con ciò favorendo le metastasi.

L’idea che sta dietro a questo genere di ricerche è ben nota a tutti gli oncologi: il tumore prospera in ambiente acido ed anzi lo genera attorno a sé, con ciò favorendo le metastasi.

Leggi anche:

Fonte Articolo

14 thoughts on “L’Italia radia Simoncini dall’Albo mentre negli USA si studia il Bicarbonato

  1. Bruna Bacchetta Dic 8,2013 16:29

    L’alcalinità, respinge l’acidosi, quindi un corpo alcalino respinge la malattia. Dove c’è acidosi c’è mancanza di ossigeno e quindi la cellula in assenza di ossigeno muore. Importante quindi, rimanere alcalini per non andare incontro a disequilibri corporei che inevitabilmente portano ad infiammazioni e dolori, i quali sono l’anticamera del cancro.
    Consiglio il libro di Robert Young: “Il Miracolo del pH alcalino”.

  2. silvia Dic 27,2013 21:22

    e come disse il professore pantellini gianfrancesco valsè la chemio si basa su 1 assioma cio che fa ammalare lo fa curare nella chemio sono presenti diversi acidi tra quale il cloridrico e la candeggiana l’inchiostro della penna a sfera e tante altre porcherie come mai potra curare il cancro con questo coktel di veleni??? è veramente assurdo e ridicolo

  3. Marco Dic 28,2013 17:26

    Simoncini è un criminale forse peggiore di Vannoni, ammesso e non concesso che il presupposto da cui parta sia valido (motivo per cui negli stati uniti si sta STUDIANDO… che è ben diverso da APPLICANDO). anche se fosse in buona fede (e non lo è) non puoi saltare le procedure standard di studio di una cura. test clinici, sperimentazione animale, pubblicazione di studi scientifici e sperimentazione umana. Racconta quanto è bravo Simoncini a tutte quelle persone morte per colpa sua e della sua bufala del bicarbonato…

    • Iustitia Dic 31,2013 01:33

      Quanti ne sono morti? Due o tre? Conosco personalmente Simoncini. Adesso evita di curare i malati troppo terminali appunto per non incorrere in questa contro-truffa. Uno muore di tumore preso troppo tardi e si da la colpa al bicarbonato. Invece se leggi bene nell’articolo, si cura con il bicarbonato il tumore al seno con successo. E gli americani hanno finanziato Simoncini. Chi altri? Voi che andate a scrivere in giro accuse senza fondamento dovreste spiegare perchè se Simoncini è un truffatore adesso non si trova in carcere ma continua la sua attività di Medico all’estero con riconoscimenti da oncologi che in Italia quando operano ormai mettono il bicarbonato di nascosto contro le recidive. Eheheh

      • Morgana Gen 15,2014 23:42

        Senti Iustitia….cerca bene le cose prima di parlare e sparare cazzate….che ci siamo rotti le cosidette di persone ignoranti o sneza nemmeno un dubbio nel loro cervello, quando invece dovrebbero averne.Leggi qua magari ti svegli…
        http://www.airc.it/cancro/disinformazione/bicarbonato/

        • Giuseppe Gen 17,2014 16:39

          Non sapevo che l’AIRC fosse depositaria delle verità assolute; anche in questo caso potrebbe valere il discorso fatto sull’ostruzionismo perpetrato dalle case farmaceutiche; se, per assurdo, domani si accertasse che un intruglio ad es. di limone, bicarboonato e mariuana riuscisse a debellare il cancro, che fine farebbe l’AIRC? Sinceramente ho provato uno stizzito fastidio quando si comincia subito definendo la pseudo cura al bicarbonato una “bufala”, quando poi, scorrendo l’articolo, si conferma che ci sono negli Stati Uniti degli studi in corso, che un premio Nobel si è occupato della cosa, che tanti altri medici conducono studi al riguardo. Anche questa è ricerca. In fondo, gente come Agnelli o Steve Jobs, sono morte lo stesso. O no?

          • Neb Gen 17,2014 16:55

            Giuseppe,
            la dieta che seguiva Steve Jobs prevedeva – se non erro – il consumo di SOLA FRUTTA.
            In questo blog non c’è scritto da nessuna parte che tale abitudine alimentare sia positiva

          • Giuseppe Gen 17,2014 17:13

            Mi pare – se nn erro – che jobs sia campato una decina d’anni col “problema”….chissà, se avesse fatto chemio e radio magari nn avrebbe cambiato il mondo con l’Iphone. Questo per dire che bisogna rispettare chiunque si sia impegnato, si stia impegnando e si impegnerà per debellare il cancro. Rispetto per tutti e pari opportunità per tutti i componenti della comunità scientifica. Nessuno escluso.

  4. marco Gen 4,2014 18:55

    Stiamo tornando alla medicina del medioevo, quando i medici si riunivano e parlavano secondo me la cura è l estratto di pomodoro, secondo l altro era meglio il fegato di bue. Cosi non si va da nessuna parte, prima si fa la ricerca, si escludono effetti nocivi e poi successivamente si iniziano dei trial controllati su pazienti selezionati. Alzarsi la mattina e dire di aver trovato la cura senza alcuna ricerca ripetibile è da incosciente e in malafede. Ci sono una serie di lavori di psicologia sui cosi detti magoni incompresi.

  5. massimo Gen 5,2014 00:37

    Per marco:mi spieghi che conoscenze hai tu in materia?apri la bocca per dar fiato come la maggior parte di imbecilli come te!Vannoni non cerca soldi, le cartelle cliniche parlano da sole,i parenti, le mamme, i genitori lo sostengono, esperti mondiali danno pareri favorevoli e voi pecore andate dietro i giornali comparati dalle lobby..svegliatevi non viviamo in un mondo sano, si fa tutto per il profitto e chi la pensa come te li aiuta ad arricchirsi.rifletti prima di parlare imbecille.

  6. Mila Gen 5,2014 13:27

    Ma perché si finisce sempre con le parolacce?
    FB é un buon campo di confronto…
    Non si possono semplicemente esprimere i propri pareri e poi ognuno riflette e approfondisce ció che gli sembra meglio?
    A Marco voglio dire: sei sicuro dei protolli, dei trials e quant’altro? Dovresti leggere studi pro e contro…sai che la nostra attuale medicina non é mai stata riconosciuta scienza? A me questa cosa ha sconvolto parecchio…e ho cominciato a cercare, a leggere…c’é così tanto ancora da fare…ma ci sono le lobby anche…sai, non ci dicono realmente quanti morti, nell’arco dei 5 anni seguenti alle cure chemioterapiche ci sono veramente… vai a cercare studi alternativi…tra l’altro proprio americani…che gli americani non sanno ma noi all’estero sí…purtroppo. A me una pulce nell’orecchio l’ha messa la Nuova Medicina del dott. Hamer …ma bisogna verificare, erificare, verificare…

  7. rosario Gen 12,2014 12:25

    Mia moglie si ammalò di cancro al seno non è morta per il tumore è morta per la chemioterapia devastante che gli hanno fatto.

  8. Valeria Gen 19,2014 22:29

    Simoncini è un criminale, buffone, ciarlatano, perchè si parla di un paio di morti, ogni anno per la chemio muoiono tantissime persone e nessuno dice niente, ma subito a difenderla.
    Apparte che la chemio non è una passeggiata, negli ospedali rischi pure il medico che se la prende se stai male, e perchè mai, dopotutto stai solo morendo, non vedo perchè maltrattare il povero medico che ti sa solo guardare con un enorme punto interrogativo in faccia.
    passi mesi, anni di dolori per cosa? per vedere una malattia espandersi,come cavolo è possibile si espanda se stai facendo quella che chiamano “cura” ? ogni tanto il cervello va usato, non sta li per bellezza.
    ma è tipico dell’uomo attaccare ciò che non può e non vuole capire….

Leave a Reply